CAPRI MOVIE INTERNATIONAL FILM FESTIVAL
Giardini della Flora Caprense, Isola di Capri
16-19 Settembre 2020

Sono 36 i cortometraggi finalisti della prima edizione di Capri Movie International Film Festival che si svolgerà sull’Isola di Capri dal 16 al 19 Settembre 2020, provenienti dai 5 Continenti. Le nazioni rappresentate, oltre all’Italia, sono 15: Argentina, Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania, Iran, Palestina, Portogallo, Russia, Spagna, Sud Africa, Turchia, UK, USA. Quattro le sezioni: Sguardi Animati, dedicata ai cortometraggi d’animazione; Sguardi Internazionali, alle opere provenienti dall’estero; Sguardi Italiani, per le opere nazionali; e Sguardi Campani, dedicata agli autori della Regione Campania.


Sguardi Animati
ARTURO E IL GABBIANO / Luca Di Cecca / 5’ / Italia, 2019
Il novantenne Arturo è abituato a stare da solo e le sue giornate le passa da pensionato. Un giorno gli capita tra le mani un giornale che pubblicizza macchine fotografiche. Il gabbiano che si è scelto come soggetto, però, sembra avere un’idea tutta diversa sulla fotografia perfetta.

 

MARE MONSTRUM / Lucía Hernández Martínez, Àngel Estois Carrasco, Mercè Sendino García / 5’29’’ / Spagna, 2019
Le avventure di Flanitus, una nuova specie marina che vive negli abissi. Nei libri di Darwin non viene menzionato, perché questo particolare pesce, come altre specie marine, è nato recentemente. E’ molto frequente vederlo sulle spiagge ma anche negli abissi più profondi, in ogni parte del mondo. Nuoteremo insieme per scoprire come si svolge la sua esistenza nel profondo blu.

BEAR WITH ME / Rodrigo Chapoy / 2’13’’ / USA, 2020
Un Grizzly e un’Orsa polare si sposano, stanno per iniziare la loro vita insieme, ma arriva il letargo che in qualche modo “congela” quella che doveva essere la loro luna di miele. Si avvicina il Natale e la mogliettina addobba la casa nonostante il marito continui a dormire, ma alla vigilia di Natale qualcosa succede…

 

DAD / Mohammad Keivanmarz / 7’08’’ / Iran, 2019
Un bambino vive solo con suo padre che però non gli dedica molte attenzioni, poiché è afflitto da un profondo stato di depressione, che lo porta a guardare la televisione tutto il giorno e la notte. Dopo vani tentativi di avere un minimo rapporto con suo padre, escogiterà un modo originale e divertente per distrarlo dalla tv e al contempo ritrovare il suo affetto.

 

FETE DE FAMILLE / Amandine Maygnan, Annie Carrel, Elisa Curau, Kévin Cadars, Nicolas Roland, Pauline Obin, Théophile Calloix / 6’07’’ / Francia, 2019
Oggi è un grande giorno: Marvin incontrerà finalmente la famiglia della sua ragazza, Sarah. Scoprirà una serie di personaggi, l’uno più eccentrico dell’altro. Ne seguirà uno scambio di punti di vista che scioglierà anche alcune tensioni familiari.

 

IAN, A MOVING STORY / Abel Goldfarb / 9’ / Argentina, 2019
Ian è nato con una paralisi cerebrale. Come tutti i bambini, vuole avere tanti amici e stare insieme a loro, ma la discriminazione e il bullismo lo tengono lontano dal suo amato parco giochi. Ian, però, non si arrenderà facilmente, e riuscirà a realizzare qualcosa che sorprenderà tutti.

 

RUBY & ROACH / Erentia Bedeker / 8’48’’ / Sud Africa, 2020
Siamo in un aeroporto di una grande città. In uno dei negozi del Duty Free, tra i vari giocattoli tutti uguali sugli scaffali, ce ne sono in vendita due decisamente diversi da tutti gli altri, ma non vengono mai scelti da nessuno proprio perché sono così. I due, quindi, con un po’ di astuzia si danno alla fuga e finiscono in un luogo inaspettato e meraviglioso, dove finalmente troveranno l’affetto che aspettavano da tanto tempo.

SINGIN’ IN THE POND / Manon Beauvais, Dylan Bequet, Antoine Clerc, Megan Denon, Aymeric Ebro Sylvie Tang / 2’41’’ / Francia, 2019
Al tramonto, una rana di nome Gene trova un ombrello da cocktail che galleggia sulla superficie di uno stagno. Improvvisamente ispirato, Gene inizia a ballare. L’ombrello è presto ambito da altre creature. Ma Gene è determinato a essere la star della notte, almeno fino a quando arriva la bella salamandra di nome Judy…

SKID / Valentin David, Axel Diaz, Clément Feuillet, Damien Gustin, Morgane Le Disez, Florian Rigollet / 4’31’’ / Francia, 2019
La nostra storia si svolge in una versione alternativa del 1992. Formula Uno. Ethan Ryson è un giovane e talentuoso pilota divorato dall’ambizione. Vuole diventare il migliore che ci sia mai stato. Per raggiungere il suo obiettivo dovrà superare molti ostacoli, calcolare i rischi, tentare il tutto per tutto…

STAR BRIGHT / Leno Miao & Mercedes Marro / 7’ / Spagna, 2019
Emmy, una bimba di 5 anni, ha sempre sognato di volare tra le stelle con il suo migliore amico GooRoo, un dolcissimo orso gigante che non la abbandona mai. Una notte stellata, GooRoo ed Emmy fanno la conoscenza di un’adorabile minuscola stella che li aiuterà a conoscere la natura della loro amicizia e mostrerà loro come i nostri sogni a volte siano più vicini di quanto pensiamo.

TINY BIRD / Clara Braem / 5’20’’ / Brasile, 2020
Nell’isola di Itaparica, la piccola Iara trascorre ogni giorno tutto il suo tempo a lanciare briciole alle rondini in spiaggia, pensando alla sua mamma lontana. Un giorno, però, accade qualcosa di imprevisto: incontra un cagnolino, solo come lei. I due iniziano a passare del tempo insieme, vivendo avventure che cambieranno per sempre la loro esistenza.

 


Sguardi Internazionali
CAIR / Vasco André dos Santos / 8’45’’ / Portogallo, 2020
Francisco vuole farla finita. Leonor vuole appartenere a lui. Lei sa che senza di lui le stelle non hanno più senso. Il corto racconta una relazione nel momento della sua conclusione e mostra l’insistenza nel cercare una soluzione ai problemi, anche quando la soluzione non è più un’ipotesi.

 

CONSUME / Bruno Gradaschi / 14’ / Argentina, 2020
Un mondo di un tempo lontano, in cui tutti vivono nelle proprie postazioni di lavoro, nutrendosi di liquidi contenuti in lattine. I lavoratori sono solo numeri, seguono compiti alienanti per guadagnare punti e raggiungere il prossimo obiettivo per salire la catena di montaggio e accedere a una vita migliore. L’operaio 079 continua a fallire e l’agognata promozione sembra irraggiungibile, così decide di rubare i punti che gli mancano al suo vicino di casa.

HOW SCARED SHE WAS / Alessandro Repetti / 10’44’’ / UK, 2020
Un uomo è vittima di un terribile furto nel quale due malviventi incappucciati gli rubano l’auto in cui vi era sua figlia di 4 anni. Le prime 24 ore sono fondamentali per ritrovare la piccola, perciò un giornalista di un quotidiano locale viene invitato dalla Polizia a parlare col padre devastato dall’accaduto per scrivere un articolo che possa aiutarli nel diffondere la notizia e salvare la bambina.

MARADONA’S LEGS / Firas Khoury / 23’ / Germania, Palestina, 2019
Durante i Mondiali del 1990, due giovani palestinesi cercano “le gambe di Maradona”, ovvero l’ultimo adesivo mancante di cui hanno bisogno per completare il loro album di coppa del mondo e vincere un Atari gratuito. Quello che sembra un compito semplice, si rivela invece pià difficile del previsto.

 

MARISOL / Zoe Salicrup / 15’ / USA, 2019
Marisol è una giovane madre latino-americana che cerca di creare una vita dignitosa per sé e la sua bambina, Maria. Talvolta prende in prestito l’auto della sua amica Luisa per guadagnare qualcosa in più facendo l’autista a pagamento tramite un’app come taxi privato. Ma l’ultimo passeggero della giornata, un giovane bianco, è sempre più sospettoso e quando accusa Marisol di essere una clandestina, il suo peggior incubo prende vita.

MY NAME IS PETYA / Daria Binevskaya / 15’ / Russia, 2019
In piena notte una madre corre in ospedale con le sue due bambine. La più piccola sta male e i medici la ricoverano per un periodo in osservazione. Nella stanza accanto, dietro la porta adiacente, c’è un bambino con la sindrome di Down che di notte resta sveglio, vaga per il reparto e disegna sui vetri della sua finestra. Una notte, per caso, la donna conosce il bambino e stabilisce un contatto con lui. La mattina dopo il bambino scompare.

QIAO ER / Li Xixian / 13’29’’ / Cina, 2020
Una storia di conflitto in un luogo imprecisato della Cina. In una foresta lontana da qualsiasi villaggio, un padre vive con il suo piccolo figlio. Comunicano solo con gli sguardi, il padre lo educa ad essere forte, gli insegna a cavarsela da solo e cacciano insieme per procacciarsi il cibo. Un giorno il bambino salva di nascosto dal padre un uccello a cui il padre aveva sparato, lo nutre e stabilisce un legame con lui, finché il padre lo scopre, uccidendo ogni ideale di suo figlio.

RONALDO / Rasit Algul / 13’50’’ / Turchia, 2020
Azad è un bambino, tutti lo ignorano. Suo padre è morto durante un raid aereo all’inizio della guerra. L’unica cosa che gli è rimasta di suo padre è un pallone che Azad tiene stretto. Vive accanto a un cantiere navale con sua madre. Il loro scopo è trasferirsi in un altro Paese attraversando il mare.

 

THE RECYCLING MAN / Carlo Ballauri / 13’25’’ / UK, Italia, 2020
In un quartiere suburbano sovrappopolato e svantaggiato, Jacob, un ragazzo immobilizzato su una sedia a rotelle, combatte per proteggere una ragazza che vede nel cortile, facendo tutto il possibile per avvertirla della figura oscura che entra nella sua stanza: l’Uomo del Riciclaggio.

 

WIRELESS / Criss Gidas / 20’ / Australia, 2020
Nello stato della Georgia una nuova legge ha stabilito che qualsiasi forma di aborto è un reato perseguibile col carcere fin dalle primissime settimane di vita del feto. Una giovane pattinatrice olimpica scopre di essere incinta. Anni di sacrifici, allenamenti estenuanti e sogni le sembrano sgretolarsi tra le mani. La sua carriera e a rischio e lei dovrà prendere una decisione.

 


Sguardi Italiani
APE REGINA / Nicola Sorcinelli / 14’ / 2019
Elsa ha 70 anni e cinque arnie vuote. Le api se ne sono andate come suo marito, a cui non perdona di essere morto prima di lei. Solo una nuova ape regina, se accettata, potrebbe far ritornare le api. Una mattina trova nascosto nel suo capanno Amin, un ragazzo di sedici anni scappato da un centro per immigrati. La polizia lo cerca ma lui vuole raggiungere la Finlandia. Elsa decide di aiutarlo in cambio di aiuto con le sue api fin quando dovrà perdere andare lui.

BUONGIORNISSIMO!1 / Leopoldo Medugno / 18’ / 2020
Tra assurdi meme, preghiere a Padre Pio e inutili messaggi inviati nel gruppo whatsapp dei genitori della IIIA, Vittoria scopre che l’insegnante di italiano ha annullato la gita prevista per quel weekend. Nella chat si scatena un’insurrezione: chi minimizza, chi si appella al senso di giustizia e chi non ha alcuna intenzione di rinunciare alla vacanza già programmata. Vittoria chiede udienza immediata. L’insegnante non sa della spedizione punitiva che lo attende…

E’ TUTTO CINEMA / Gianni Aurelio / 15’ / 2019
Siamo sul set di un film western. I registi e gli attori ricreano continuamente situazioni ed emozioni per comunicare, tra battute, inquadrature, primi piani. Finché le riprese si interrompono e cominciano a confrontarsi. Questo è il cinema, la parte più importante della vita. È tutto vero. È tutto finto. È tutto cinema.

 

L’AURORA / Lorenzo Cassol / 17’ / 2019
Aurora è una donna introversa, bella e malinconica. Dopo la rottura con il suo fidanzato, si chiude in se stessa, in un mondo fatto di apnea e creazioni sartoriali, nel suo laboratorio  in centro della cittadina in cui vive. La sua amica Camilla e sua madre cercano di spronarla ad essere più socievole, ma inutilmente. Un giorno, mentre è intenta in una delle sue immersioni  insieme all’amica Camilla, nell’oscurità tutto diventa finalmente chiaro e sa cosa deve fare.

L’UOMO CHE NON VOLEVA USCIRE DI CASA / Savino Genovese / 15’ / 2019
In montagna, un uomo e una donna giocano a una caccia al tesoro allestita in un vecchio villaggio abbandonato. Lei ama lui, lui ama lei. Giocano, si sorridono, si baciano, mentre lui deve cercare qualcosa che non sa nemmeno cos’è. In un altro tempo, in un appartamento qualcuno sta cercando qualcosa. Forse è lo stesso oggetto.

 

OFFRO IO / Paola Minaccioni / 12’ / 2019
Una tranquilla uscita tra due coppie di amici della Roma bene degenera in una spietata e violenta lotta che nessuno è disposto a perdere. Un’apparente innocuo gesto di cortesia, infatti, innesca una surreale escalation di generosità, trasformando quella che doveva essere una rilassante serata tra amici di vecchia data, in una folle e surreale sfida all’ultima mancia.

 

PIZZA BOY / Gianluca Zonta / 15’ / 2019
Saba, un ragazzo georgiano, lavora come fattorino che consegna le pizze a Bologna. Durante il turno serale riceve un’importante telefonata: sta per nascere suo figlio. Costretto a finire le sue consegne, Saba attraversa freneticamente la città, sperando di arrivare puntuale all’ospedale. La sua ultima consegna sarà molto particolare, ma gli porterà anche qualcosa di bello.

 

PUPONE / Alessandro Guida / 15’ / 2019
Roma, 2017. Sacha è cresciuto in una casa famiglia. Come tutti i suoi “fratelli” acquisiti, è appassionato di calcio e in particolare della AS Roma. Al compimento dei 18 anni Sacha deve abbandonare la struttura dove è cresciuto, ritrovandosi così a vivere ciò che sta capitando anche al suo idolo: Francesco Totti, come Sacha, è costretto ad abbandonare la sua squadra per ragioni anagrafiche. L’acquisita libertà e le sfide che il mondo esterno gli presenteranno si riveleranno però più difficili del previsto da gestire. Il cortometraggio è ispirato ad una storia vera, seppur adattata ad esigenze cinematografiche.

TUTTA LA FELICITA’ / Federico Melis / 15’ / 2020
Una famiglia, composta da tre fratelli molto diversi tra loro, un padre anziano bizzarro che ha avuto un ictus e una madre ex attrice con forti sbalzi d’umore, deve affrontare il problema della custodia dell’anziano padre. Discutono animatamente. La madre non vuole più occuparsi del marito che in trent’anni ne ha combinate tante e continua ancora oggi, tant’è che è stato appena cacciato, per l’ennesima volta, dalla casa di riposo per aver molestato ripetutamente un’infermiera. Mentre i fratelli litigano, il padre scappa di casa e si rende conto che la sua non è più quella famiglia che aveva sognato e che i valori che aveva cercato di inculcare ai suoi figli si sono persi nel tempo.

VOLER ESSERE FELICE AD OGNI COSTO / Michele Bertini Malgarini / 15’ / 2020
Viviamo in un mondo fatto per persone che sentono. E se esistesse un mondo fatto solo di persone che non sentono? Due ragazzi, un amore e un’isola selvaggia e meravigliosa popolata solo da sordi. Paolo è un musicista innamorato di Claudia, una ragazza che non ha mai conosciuto personalmente, ma con la quale intrattiene conversazioni in chat. Per incontrarla partirà per quest’isola e combatterà a denti stretti per conquistarla.


Sguardi Campani
FAME / Giuseppe Alessio Nuzzo / 11’56’’ / 2020
Napoli, crocevia di culture e colori. Sul lungomare e nel centro antico una contaminazione di etnie tra ricchezza e povertà, disperazione e speranza. Gli occhi di una bambina testimoni del destino del padre al bivio di una scelta…

 

IL CANTO DEL MARE / Walter Della Mura / 13’29’’ / 2020
Carmine vuole diventare pescatore come suo padre Aniello, ma lui glielo impedisce. La rabbia del bambino crea una connessione tra la terra e il mare: padre e figlio affronteranno il passato l’uno dell’altro, che li porterà a scegliere in quale mondo continuare a vivere.

 

LA TRISTE VITA DEL MAGO / Francesco d’Antonio / 13’40’’ / 2020
Mariano Astuzzi era un mago, un vero mago. Una vita tormentata dall’incapacità di controllare la sua magia. La sua forza era la sua debolezza. Mariano è scomparso qualche anno fa. Questo documentario ripercorre la sua vita tra esilaranti testimonianze di amici, parenti e semplici conoscenti.

 

NON E’ SOLO UN GIOCO / Guglielmo Lipari / 15’ / 2020
Annamaria, alias “Assistente di volo”, e Pina, “Pinella”, Scoglio, sono due sorelle con una passione nata per caso e divenuta un chiodo fisso, il burraco. Un gioco che, intersecandosi con la vita reale, compromette relazioni e sentimenti. Una storia che mostra che la vita … non è solo un gioco.

 

RADICAL SCIC / Alfonso Bergamo / 17’ / 2019
Una compagnia teatrale perde il suo regista. Il suo ritiro crea confusione nella compagnia che stava preparando la piece “Amleto subacqueo” da presentare in anteprima in un prossimo festival. Un’occasione unica per emergere. La compagnia inizia quindi a cercare un nuovo regista per lo spettacolo. Dopo vari tentativi trovano Carmine, un napoletano un po’ ruvido, che sembra tutto fuorché un regista. Il suo modo di agire e di parlare assomiglia a quello di un camorrista piuttosto che a quello di un artista. Non avendo alternative, gli danno una possibilità, ma Carmine si rivelerà una risorsa e con la sua “performance di realtà” renderà la loro vita artistica tutt’altro che semplice.